esi test di laboratorio

L’efficacia antimicrobica di esi è stata testata e certificata dai seguenti laboratori:

3a laboratori
Logo ilac
accredia logo

test di esi su coronavirus

Valutazione della tecnologia esi nei confronti del CORONAVIRUS HCoV-OC43 su una superficie di plastica.

Il virus utilizzato: coronavirus umano HCov-OC43 che ha una omologia di struttura estremamente alta con il virus responsabile della CoViD-19, HCoVSARS-2, dal punto di vista sia filogenetico che molecolare.

Deposito di un’aliquota di 100μl di sospensione virale di HCoVOC43, su una superficie di 2,5×2 cm di una lastra di plastica. Nella camera sperimentale di 2.280 cm3 sono stati utilizzati due emettitori A + B:
A = codice 480C
B = codice 480A

RISULTATI :
a 15 secondi si è riscontrata una riduzione > all’82%
a 2 ore si è riscontrata una riduzione > al 99%

risultati dei test di esi sui batteri

esi ha condotto molti test per verificare l’azione sulle cariche batteriche. Importanti laboratori, Istituti di ricerca ed Università, hanno effettuato test per verificare l’azione di esi in diverse condizioni. Alcuni tra i più importanti esperimenti sono quelli riportati nella tabella accanto, dove sono stati saggiati batteri molto pericolosi, tutti completamente azzerati dopo l’esposizione ad esi.

L’Escheria Coli, data la sua elevata diffusione e pericolosità, definito “batterio degli incubi” perché resistente a tutti gli antibiotici noti è causa di morte nel 50% dei casi di contagio. L’esposizione ad esi per 24 ore ha azzerato ogni forma batterica come dimostrato dai vetrini riportati.

Lo Saphylococcus Aureus appartenente alla stessa classe del HCoVSARS-2, Classe 2 secondo il D.lgs 81/08, é molto pericoloso per gli esseri umani. L’esposizione ad esi per 24 ore ha azzerato ogni forma batterica come dimostrano i vetrini riportati.

La Candida Albicans, Fungo Saprofita, abituale commensale della cute e delle mucose, poiché può provocare gravi problemi alla salute umana. L’esposizione ad esi per 24 ore, ha azzerato ogni forma microbica come dimostrato dai vetrini riportati.

Le metodologie utilizzate nei test:
ISO 22196:2011 – JIS Z 2801:2010, ISO 18593:2004, UNI ISO 4833,
UNI 10802, PT048 rev00 2002, IL042 rev01 2005. Per la descrizione della metodologia adottata, può essere consultato il nostro sito alla sezione Test di Laboratorio.

test ufficio di 88 m² con esi

Un ufficio di 88 m² open space con 14 posti di lavoro, dotato di finestre, condizionatori, scrivanie ed altri arredi tecnici, usato da 14 persone in modo continuativo nelle 8 ore, con visitatori durante l’orario di lavoro, è stato sottoposto a test comparativo prima e dopo l’installazione del sistema esi.

T0: Rilevamento effettuato prima dell’installazione esi. Un test effettuato sulle superfici del piano scrivania, tastiera PC, mouse, pavimentazione, muri, vetri finestre e maniglia porta, ha rilevato una carica batterica media di tutte le superfici, di 610 UFC/ cmq.

T1: Dopo il rilevamento T0, l’ufficio è stato dotato di sistema esi composto da: Tappetini Mouse, esiMonitor, esi Tastiera PC, Porta Telecomandi, Maniglie Porta, Emettitori ambientali EMQ48. Dopo 12 ore è stato eseguito un secondo test per rilevare l’abbattimento della carica batterica, con un valore rilevato 0 UFC/cmq.

Considerazioni: L’ambiente di lavoro testato con l’utilizzo della tecnologia esi, ha confermato la completa assenza di cariche batteriche anche nella condizione di normale utilizzo dell’ufficio da parte degli impiegati e degli ospiti.

test ufficio di 16 m² con esi

Un ufficio con un posto di lavoro dotato di finestra, condizionatore, scrivania ed altri arredi tecnici, usato da una persona in modo continuativo nelle 8 ore che riceve normalmente visitatori, è stato sottoposto a test comparativo prima e dopo l’installazione del sistema esi.

T0: Rilevamento effettuato prima dell’installazione esi. Un test effettuato sulle superfici del piano scrivania, tastiera PC, mouse, pavimentazione, muri, vetri finestre e maniglia porta, ha rilevato una carica batterica media di tutte le superfici, di 540 UFC/ cmq.

T1: Dopo il rilevamento l’ufficio è stato dotato di sistema esi composto da: Tappetino Mouse, esi-Monitor, esi Tastiera PC, Porta Telecomando, Maniglia Porta, Emettitori ambientali EMQ48. Dopo 12 ore è stato eseguito un secondo test per rilevare l’abbattimento della carica batterica, con un valore rilevato 0UFC/cmq.

Considerazioni: L’ambiente di lavoro testato con l’utilizzo della tecnologia esi, ha confermato la completa assenza di cariche batteriche anche nella condizione di normale utilizzo dell’ufficio da parte dell’impiegato e degli ospiti.

test bagno con esi

Bagno aziendale uomini di 2 m²: E’ stato effettuato un test a Tempo 0, molto invasivo per un normale WC che mediamente ha cariche batteriche comprese fra 500 e 1000 UFC/cmq.

E’ stata inoculata una carica batterica di 5.500
UFC/cmq dello Staphilococco Aureus, con ceppo batterico disattivato, su una porzione di muro di 10×10 cm posta a 130 cm dell’emettitore esi più vicino. Il batterio, appartiene alla Classe 2 secondo D.lgs 81/08 come il HCoVSARS2 responsabile della CoVD-19.

Nell’ambiente erano già stati installati precedentemente l’emettitore ambientale PR01 + pulsantiera WC+ KIT WC.

Dopo 12 ore dall’inoculazione della carica batterica è stato eseguito un secondo test a Tempo 1 per la misurazione della carica batterica residua, che ha rilevato un valore di 0 UFC/cmq.

esi ha azzerato ogni forma batterica nell’ambiente anche in presenza di un valore estremamente alto di partenza.

test di esi su maniglia

Ovunque sia presente una maniglia, questa rappresenta una minaccia per la salute delle persone che dal contatto possono ricevere virus, batteri e funghi.

esi ha sviluppato delle maniglie con la propria tecnologia, nella collezione Razzeto e Casareto, che oltre al design ed alla funzionalità, offre il plus dell’azione anti-coronavirus, antibatterico ed antifungino.

Un test di laboratorio condotto su una maniglia realizzata con esi, ha certificato che la stessa, dopo un contatto prolungato fino a 15 secondi con una mano contaminata da batteri, è rimasta sterile a 0UFC/cmq.

Lo stesso test eseguito sulla mano della persona, dopo il contatto con la maniglia, ha riscontrato una riduzione del 10% della carica batterica presente nella mano.

Le maniglie esi, perennemente prive di cariche microbiche, poste in tutti gli spazi con alto numero di persone, garantiscono l’impossibilità di contagio dal “tocco maniglia”.

test di esi
su moquette

Ovunque sia utilizzata la moquette a pavimento, questa rappresenta una minaccia per la salute delle persone che soggiornano negli ambienti interessati.

Diversi test effettuati hanno riscontrato cariche microbiche elevatissime anche in normale condizione di pulizia e manutenzione.

In camere di hotel o di imbarcazioni, sono stati rilevati valori di 3.000 UFC/cmq; 50 UFC/cmq è il valore che WHO considera “normale” per cui queste moquette risultano 60 volte più sporche.

esi installata nel sottofondo della moquette, agisce attraverso l’umidità dell’aria. Gli ioni emessi, passando attraverso la trama della tessitura della moquette, espletano una azione igienizzante h24 e neutralizzano contestualmente i cattivi odori caratteristici delle moquette sporche. Negli yachts, dove l’uso della stessa avviene a piedi nudi da parte degli ospiti, l’innalzamento dei valori di “sporco microbico” si acuisce considerevolmente. Lo stesso vale nelle automobili ed in particolare in quelle dove sono soliti essere trasportati anche animali domestici.

esi garantisce un costante valore di “pulizia microbica” attraverso la continua emissione di Ioni di Argento Ag+ in sinergia ad altri ioni .

Test di una moquette dopo 6 ore ha portato la carica batterica da 3.000 a 0 UFC/cmq

test di esi
su poltrone e divani

I divani, le poltrone e le sedute in generale risultano normalmente molto contaminati da alte cariche microbiche per il continuo contatto con le persone. I rivestimenti in stoffa rispetto a quelli in pelle o similpelle, presentano valori di “sporco microbico” più elevato e la pulizia ordinaria risulta difficile per gli spessori del rivestimento e dell’ imbottitura. Per questa ragione, diversi test effettuati sulle sedute, hanno riscontrato cariche microbiche molto elevate anche in normale condizione di pulizia e manutenzione.

In alcuni hotel ed imbarcazioni, sono stati riscontrati valori di 1.900 UFC/cmq; 50 UFC /cmq è il valore che
WHO considera “normale”. L’uso delle sedute negli yachts, implica il contatto con la pelle umana degli ospiti ed i valori di “sporco microbico” riscontrato in diversi test è di 1,52 volte superiore a quelle di uso domestico. Questo vale per tutte le sedute di “spazi comuni” di qualunque ambiente di lavoro.

esi installata nella parte inferiore delle sedute o all’interno della struttura, consente una igienizzazione costante h24 della seduta e dell’ambiente circostante.

Test: Valore di partenza di una poltrona in stoffa di uno yacht: 1900 UFC/cmq

Dopo 6 ore esi ha portato la carica batterica da 1900 UFC/cmq a 0 UFC/cmq.

Baule esi Polivalente

Il baule è stato ideato per un uso quotidiano nelle imbarcazioni RIVA, per contenere mute, asciugamani, calzature, accessori e altri oggetti, dopo il loro utilizzo.

Alcuni indumenti sportivi sporchi, sono stati sottoposti a test di laboratorio per rilevare la carica batterica. Sono stati riscontrati valori di 2.500 UFC/cmq.

Gli stessi indumenti, riposti nel baule, dopo 3 ore sono stati nuovamente sottoposti a test ed è stata riscontrata una carica di 0 UFC/cmq.
esi ha azzerato ogni forma batterica presente.